Poesie dialettali

con la brillante partecipazione  una sala della parrocchiale si S. Pietro Apostolo, si è svolta mercoledì 7 aprile, una dizione di poesie dialettali tenute dal simpaticissimo Armando Lenotti. Il simpaticissimo poeta è stato assai apprezzato dal pubblico presente. Il sottoscritto, amico di Armando, ha recitato alcune sue composizioni. E’ stato invitato a pubblicarle. Ecco fatto.

CAMINETO

 

Ciao caminetto sol de casa mia,

vao star via…

T’è visto manine destese

che sercaa calor,

deventar sempre più grandi. ..

Le to brase m’à scaldà

i sogni più bei,

e i pensieri più bruti,

te i-è sisoladi proprio tuti.

El to fogo l’è sempre sta

onesto, discreto;

sii, qualche ’olta

te m’è brusà el tapeto,

ma vuto che’l sia…!

Ricordo el to parlar

suto e alegro,

fato de s-ciochi e sdinse:

vuto n’altra  stèla,

 vutos

’Desso che la casa l’è restà uda,

te me guardi

co’ la boca sbalancà, maraveià,

come par dir:

“Ma mi me lassito quas

Ò serà la porta

un par de scrochi…  

e me son sugà i oci…

 

Bruno Etrari

 

 

L’OMBRELA                                                                     

Ogni volta che piove o tira vento,

me vien un nervoso, ’na balarina,

come gavesse qualcossa qua drento

che me fa un fià balar la petorina,

e tuta, tuta colpa l’è, in verità,

      pa’ quel che m’è sucesso tanti ani fa.

Me vedo, poco più che buteleto,

in un porton a parlar co’ ’na butela,

parché quel giorno, Signor benedeto,

piovéa zò de roto e era sensa ombrela.

   Pa’ vedar fora se rivàa la fiola,

   l’era tardi e ghera zà pronto in tola,

so mare, che destin, l’à verto i veri

e vedèndome co’ la so butina,

la m’à dito: “Salo che era in pensieri,

no’l vorà mia star lì fin domatina..

Su, su, el se comoda el fassa la scala,

el staga chieto che adesso no’l cala …

Mi timido, sprovedù e sensa ombrela

a pensarghe me fasso quasi péna

ò passà la porta: ma che capela!

Insoma l’à volù che stesse a sena,

proprio par questo no l’è che me glorio.

Lì la m’à fato l’interogatorio,

davanti a la butela sempre sita,

mi poarin, rosso –rosso come un pito.

El vecio, in un canto, el pensaa che drita

me moier, e podendo el m’avarìa dito:

 Scapa, scapaaa, la te frega, sta tento…             

 E fora, sì, l’era sempre aqua e vento…

L’à volù saver el parché, el parcome

e se la casa ghe l’avea in afito,

e drento de ela, tirando le some,

l’à convegnudo ch’era un bon partitoe

       e che in fondo andaséa la péna

de invidarme, furba, ‘n’altra ‘olta a séna..

Insoma, eco, l’avea preparà la taja,

pa’ bocon la gavea messo la fiola,

bastàva che mi becasse, che canaja,

e sarìa scatà de colpo la mola.

E così, sensa saverlo, boja d’un scheo,

m’ò trovà co’ l’anel infilà nel deo…

 

CONSIGLIO

Butel, se te ve in batuda, atension,

po’ rangete, ste cose l’è va dite,

mai fermarte se piove in un porton,

ti ris-cia pitosto la polmanite,

o se anca l’è ‘na giornada gran bela,

bàdame, tote sempre sù l’ombrela…

Ma ’tento che ’sto truco no’l te ingana:

‘na mare se vol cassar sù la fiola,

la ghe riesse! Al mondo no’ gh’è rufiana

che possa menarla, par man, a scola…

Co’ l’ombrela o sensa, che sia istà o inverno,

ma no’ te salva gnanca el Padre Eterno…

 

Moreta, oci verdi,  bela che no se sà

         mi l’ò sposada quarantanove ani fa

 

                                                            BRUNO ETRARI